LISINA E PROBIOTICI PER CURARE IL FUOCO DI SANT’ANTONIO

👉Gli Herpes Simplex Virus sono virus a DNA responsabili d’infezioni che, dopo una fase florida, si trasformano in infezioni latenti.

👉Gli HSV più diffusi sono il tipo 1, responsabile dell’herpes labiale, e il tipo 2, responsabile dell’herpes genitale. Il “risveglio” dell’attività virale, anche a distanza di anni, è dovuto principalmente ad un calo delle difese immunitarie dell’organismo.

👉L’herpes zoster, invece, più comunemente noto come fuoco di Sant’Antonio, è l’infezione da parte del virus varicella zoster (VZV) di uno o più nervi (generalmente uno solo). All’infezione, di solito, si associa una dolorosa eruzione cutanea che, nonostante possa manifestarsi in qualsiasi parte del corpo, compare più frequentemente su un solo lato del torace o dell’addome sotto forma di una singola striscia di vescicole.

👉Il VZV appartiene alla grande famiglia degli Herpes virus, ed è lo stesso che causa la varicella nei bambini. Il virus, infatti, dopo aver causato la varicella, rimane inattivo nel tessuto nervoso per poi risvegliarsi, a distanza di molti anni, sotto forma di fuoco di Sant’Antonio.

👉Le recidive degli Herpes virus comportano diversi sintomi della durata di 2-3 settimane.

✅SINTOMI

👉Sensazione di formicolio, pizzicore, bruciore, calore dolore.

👉Nel caso di herpes Zoster si potranno avere anche a distanza di tempo sintomi quali dolori muscolari, mal di testa, malessere generale, astenia, bruciori, neuropatia, parestesie, ecc anche per mesi o anni.

‼️Un recente studio ha stabilito che esiste una correlazione tra Alzheimer e Virus Herpes 1 e Herpes Zoster.

✅PREVENZIONE E TRATTAMENTO

👉Uno dei rimedi naturali per neutralizzare il virus o per prevenire le recidive è la lisina, un aminoacido essenziale simile nella struttura all’arginina.

👉La lisina contrasta l’arginina a livello metabolico: quando la biodisponibilità della lisina è maggiore dell’arginina viene prodotta una proteina imperfetta che blocca la replicazione del virus.

👉Utilizzato nelle prime fasi di sviluppo dell’herpes, evita le manifestazioni virali.

👉Come cura di attacco vanno utilizzati diversi grammi e poi un dosaggio a scalare.

‼️Non va assunto per molto tempo e per chi soffre di calcoli biliari.

👉Si possono associare altri micronutrienti (vitamina C, echinacea, calcio, magnesio e vi- tamina B12) con azione immunostimolante, antiossidante, regolatrice degli impulsi nervosi.

‼️Un drenaggio della matrice è sempre utile (galium heel).

👉Per uso topico vanno bene capsaicina, pantenolo, GSE, aloe, camomilla, morus alba, ac. 18 beta-glicirretico, camellia sinensis, achillea, ippocastano.

✅PROBIOTICI

👉Il Lactobacillus Rhamnosus migliora la vitalità dei macrofagi per l’eliminazione dell’HSV-1 e l’attivazione contro l’HSV-1 in modo efficace.

👉Il Lactobacillus gasseri CMUL57 (L. gasseri CMUL57), L. acidophilus CMUL67 e L. plantarum CMUL140 sono attivi contro l’herpes simplex di tipo 2 (HSV-2) e il Coxsackievirus B4E2 (CVB4E2).

Dott Umberto Villanti www.umbertovillanti.it ‼️

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.