GLI PSICOBIOTICI, I PROBIOTICI CHE REGOLANO L’UMORE E LA PSICHE

👉Si chiamano così i probiotici che alterano la mente, che possono migliorare l’umore, diminuire l’ansia e la depressione, lo stress e le malattie psichiatriche e neurologiche.

✅COME LAVORANO SUL CERVELLO

👉 produzione di vari composti biologicamente attivi, come i neurotrasmettitori quali acido gamma-amminobutirrico (GABA), 5HT o serotonina, Ach o acetilcolina, VIP peptide vasoattivo intestinale, neurorensina, dopamina, che modulano il dolore, il comportamento, ecc.

👉 esercitano degli effetti sul sistema di risposta allo stress del corpo – asse ipotalamo-ipofisi-surrene (HPA), agendo sulla regolazione del cortisolo, glutammato e disfunzioni cognitive.

👉azione antinfiammatoria che coinvolge intestino, barriera emato-encefalica e citochine infiammatorie, migliorando l’infiammazione, apoptosi (morte neuronale), aumentando i fattori di crescita BDNF (neurogenesi e crescita neuronale).

✅ALCUNI ESEMPI DI PSICOBIOTICI

Depressione e ansia

👉Lactobacillus acidophilus, Lactobacillus casei, Bifidobacterium bifidum (in quanto riducono la depressione maggiore con riduzione della infiammazione sistemica, ridotta resistenza all’insulina (misurata con hs-CRP), aumento di glutatione antiossidante per il sistema nervoso centrale.

👉Lactobacillus helveticus r0052 e Bifidobacterium longum R0175, per ansia e depressione.

Stanchezza cronica e Parkinson

👉Lactobacillus casei ceppo Shirota per la stanchezza cronica, insieme a Lactobacillus plantarum (ceppo PS128) per aumentare la dopamina e la serotonina per normalizzare il cortisolo.

Apprendimento e memoria (utili anche in neurologia e demenza)

👉Lactobacillus helveticus r0052 combinato con il Lactobacillus rhamnosus R0011 per regolare l’ansia e cortisolo, utile nelle carenze di apprendimento e di memoria nei soggetti con disfunzioni dell’asse HPA.

Infiammazione cerebrale o neuroinfiammazione

👉Mycobacterium vaccae, un probiotico che cresce nel terreno, con effetti benefici a livello cerebrale a lungo termine. È capace di ridurre l’infiammazione del cervello, rendendo un individuo maggiormente resistente agli effetti fisici e comportamentali provocati dallo stress.

👉inoltre aumenta IL4 interleuchina 4, antinfiammatoria e diminuisce la proteina HMGB1, soprannominata “allarmina”.

👉L’infiammazione a livello cerebrale provocata dallo stress, può colpire neurotrasmettitori che influenzano l’umore come la dopamina o la norepinefrina, aumentando così il rischio di esser colpiti da disturbi come l’ansia e il Disturbo Post Traumatico da Stress PSTD.

👉Anche eventi come malattie, traumi o interventi chirurgici possono avere un ruolo in questo meccanismo: possono, infatti, rendere maggiormente sensibili alcune zone del cervello, provocando così una risposta infiammatoria.

Malattie neurologiche

👉Akkermansia muciniphila in vari disturbi neuropsichiatrici, tra cui il morbo di Alzheimer, deficit cognitivo, sclerosi laterale amiotrofica, morbo di Parkinson, sclerosi multipla.

👉Akkermansia muciniphila è utile nella protezione della mucosa intestinale e nella modulazione del sistema immunitario (spesso implicato nelle malattie neurologiche), nel sistema metabolico e sistema endocannabinoide attraverso metaboliti come acidi grassi a catena corta (SCFA) e amminoacidi e derivati ​​​​di aminoacidi, prodotti da glicolipidi mucinici, proteine ​​mucine e esosi mucina o oligosaccaridi.

👉Agisce inoltre aumentando il NAD+ carburante per i mitocondri, spesso disregolati nelle malattie neurologiche.

‼️In definitiva, l’uso di probiotici e soprattutto la bonifica e manutenzione intestinale si traduce con un maggiore benessere e salute del nostro cervello ‼️

Dott Umberto Villanti
www.umbertovillanti.it

Scrivimi in privato per qualunque informazione ❗

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.