NIACINA (VITAMINA B3) PER IL COLESTEROLO

Niacina

👉Si parla spesso di colesterolo come un fattore pericoloso da trattare, spesso demonizzato da medici e cardiologi quale causa di infarto.

👉In realtà la spiegazione è piu’ complessa, esistono altri fattori predittivi di rischio cardiovascolare (esame Lpa, omocisteina, emoglobina glicata, ecc), nonché il rapporto TGL/HDL quale rischio ossidativo e infiammatorio predispondente la formazione di placche ateromasiche. Senza contare che il colesterolo è necessario per la corretta funzionalità organica, integrità cellulare, corretta funzione ormonale, trasporto di vitamine liposolubili, oltre a diversi studi contrastanti (colesterolo basso e maggiore rischio di infarti).

👉A parte questa premessa indispensabile, le dislipidemie sono ereditarie o genetiche ed epigenetiche (fumo, alcolismo, vita sedentaria, malnutrizione…).

👉In caso di una dislipidemia molto marcata con un rischio di salute significativo, ci sono alcune risorse che possiamo utilizzare per migliorare queste concentrazioni.

✅NIACINA COME INTEGRAZIONE

👉Per avere una regolazione del colesterolo e dei suoi livelli si può ricorrere alla vitamina B3. La NIACINA infatti agisce sul recettore GPR109A e GPR109B (HM74A e HM74); che si trovano negli adipociti e nelle cellule immuni.

✅MECCANISMO DI AZIONE

👉La sovraespressione di GPR109A negli adipociti genera una riduzione della lipolisi dei trigliceridi, indotta da una diminuzione dei livelli di cAMP, che produce una minore concentrazione di acidi grassi liberi nel sangue e, quindi, una sintesi epatica inferiore di TG.

👉A sua volta, la niacina agisce nel fegato inibendo la DGAT2, accelerando la degradazione di apoB e diminuendo la sua escrezione.

👉Oltre a ritardare il catabolismo dell’apoA-I, il principale APO dell’HDL, la cui maggiore presenza rende più bassa l’ossidazione di HDL, ne aumenta anche la concentrazione epatica e favorisce la riduzione del colesterolo grazie al ruolo che svolge nel trasporto inverso del colesterolo per la successiva eliminazione per via epatica.

✅STUDI EFFETTUATI SULLA VITAMINA B3 E COLESTEROLO

Alcuni studi su modelli murini (alcuni con diabete e altri no), hanno osservato come l’integrazione di NIACINA ha ridotto la concentrazione di colesterolo totale, LDL, trigliceridi, con un aumento di colesterolo buono o HDL.

✅INTEGRAZIONE

👉Per ovviare alla possibilità di utilizzo di statine (NE PARLATE CON IL VOSTRO MEDICO), si può prevedere l’uso di NIACINA a dosaggi crescenti (partendo da 100 mg al giorno fino a sperimentare il cosiddetto FLUSHING da NIACINA), o utilizzare le forme no FLUSH o TIME RELEASE in commercio. Il FLUSH o rossore e calore della pelle è un effetto collaterale di questa vitamina a dosaggi superiori RDA, in quanto viene eliminata istamina e serotonina dai mastociti, con vasodilatazione capillare e arteriosa e ripercussioni positive sul cervello.

✅EFFETTI AVVERSI

👉Tra i vari effetti collaterali a dosaggi fino a 1,5/4 grammi al giorno), il alcune problematiche quali Alzheimer, Schizofrenia, e malattie neurodegenerative, di cui parlerò in un altro post, vorrei ricordare il dolore addominale, diarrea, dispepsia, nausea, vomito, rinite, prurito ed eruzione cutanea, mentre con dosaggi molto alti (2 grammi o 3 grammi al giorno) ci sono stati episodi di ulcere gastriche, edema della macula, ipotensione, insufficienza epatica, ictus, emorragia cerebrale, insulino resistenza (infatti ad alti dosaggi l’inibizione del DGAT2 porta ad un aumento delle concentrazioni di diacilglicerolo epatico che aumenta significativamente la resistenza locale all’insulina).

🔴SCONSIGLIATA A CHI UTILIZZA ANTIAGGREGANTI (la NIACINA sembra ridurre il numero di piastrine), EPATITI, ULCERE GASTRICHE.

👉Stiamo parlando di situazioni particolari che vanno sempre attenzionate dal medico. Con dosaggi bassi e in assenza di patologie o condizioni particolari la vitamina B3 è sicura.

Dott Umberto Villanti www.umbertovillanti.it ❗❗

Stipanuk, Martha H.; Caudill, Marie A. (2013). Biochemical, Physiological, and Molecular Aspects of Human Nutrition – E-Book. Elsevier Health Sciences. p. 541.

Silvestre, Ricardo; Torrado, Egídio (2018). Metabolic Interaction in Infection. Springer. p. 364. Niacin or nicotinate, together with its amide form nicotinamide, defines the group of vitamin B3 complex

Suter, Paolo; Russell, Robert (2018). “Chapter 326: Vitamin and Trace Mineral Deficiency and Excess”. Harrison’s Principles of Internal Medicine, 20th Ed. New York, NY: McGraw-Hill.

Goodman & Gilman’s the pharmacological basis of therapeutics. Goodman, Louis S. (Louis Sanford), 1906-2000., Hardman, Joel G., Limbird, Lee E., Gilman, Alfred Goodman, 1941-2015. (10th ed.). New York: McGraw-Hill. 2001.

“CHAPTER P-6. Applications to Specific Classes of Compounds”. Nomenclature of Organic Chemistry: IUPAC Recommendations and Preferred Names 2013 (Blue Book). Cambridge: The Royal Society of Chemistry. 2014. pp. 648–1047.

“Niacin”. Micronutrient Information Center, Linus Pauling Institute, Oregon State University, Corvallis, OR. 8 October 2018. Retrieved 16 September 2019.
“Why fortify?”. Food Fortification Initiative. 2017. Retrieved 4 April 2017.

Keene D, Price C, Shun-Shin MJ, Francis DP (July 2014). “Effect on cardiovascular risk of high density lipoprotein targeted drug treatments niacin, fibrates, and CETP inhibitors: meta-analysis of randomised controlled trials including 117,411 patients”.

Bruckert E, Labreuche J, Amarenco P (June 2010). “Meta-analysis of the effect of nicotinic acid alone or in combination on cardiovascular events and atherosclerosis”. Atherosclerosis. 210 (2): 353–61.
Jaconello P (October 1992). “Niacin versus niacinammide”. CMAJ. 147 (7): 990.

Kennedy DO (January 2016). “B Vitamins and the Brain: Mechanisms, Dose and Efficacy—A Review”. Nutrients. 8 (2): 68.

Kirkland JB (May 2012). “Niacin requirements for genomic stability”. Mutation Research. 733 (1–2): 14–20.

“The Top 300 of 2019”. clincalc.com. Retrieved 22 December 2018.
“Niacin and niacinammide (Vitamin B3)”. MedlinePlus, US National Library of Medicine, National Institutes of Health. 2016. Retrieved 12 October 2016.

Papaliodis D, Boucher W, Kempuraj D, Michaelian M, Wolfberg A, House M, Theoharides TC (December 2008). “Niacin-induced “flush” involves release of prostaglandin D2 from mast cells and serotonin from platelets: evidence from human cells in vitro and an animal model”. The Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics. 327 (3): 665–72.

Benyó Z, Gille A, Kero J, Csiky M, Suchánková MC, Nüsing RM, Moers A, Pfeffer K, Offermanns S (December 2005). “GPR109A (PUMA-G/HM74A) mediates nicotinic acid-induced flushing”. The Journal of Clinical Investigation. 115 (12): 3634–40.

Benyó Z, Gille A, Bennett CL, Clausen BE, Offermanns S (December 2006). “Nicotinic acid-induced flushing is mediated by activation of epidermal langerhans cells”. Molecular Pharmacology. 70 (6): 1844–9.

Hanson J, Gille A, Zwykiel S, Lukasova M, Clausen BE, Ahmed K, Tunaru S, Wirth A, Offermanns S (August 2010). “Nicotinic acid- and monomethyl fumarate-induced flushing involves GPR109A expressed by keratinocytes and COX-2-dependent prostanoid formation in mice”. The Journal of Clinical Investigation. 120 (8): 2910–9.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.