FUNGHI MEDICINALI A SOSTEGNO DELLE CURE ONCOLOGICHE E DEL RECUPERO DELL’ORGANISMO

I recenti orientamenti in ambito oncologico medico, sono rivolti ad un approccio integrato della persona, dove l’aspetto farmacologico, scelta elettiva terapeutica, viene sempre più affiancato da altre modalità “terapeutiche” naturali a sostegno, psicologia, mindfulness, ipnosi, fitoterapia, alimentazione, attività fisica, ecc. Tra questi approcci rientrano a pieno titolo i funghi medicinali.

11 MOTIVI PER UTILIZZARE I FUNGHI MEDICINALI

– proteggono dalla tossicità della chemioterapia;

– inibiscono le metastasi tumorali;

– migliorano il microbiota, apparato importante nelle malattie degenerative;

– stimolano la morte delle cellule tumorali (apoptosi);

– proteggono gli organi dagli effetti collaterali dei farmaci (cardiotossicita’, mielosoppressione, funzionalità renale, ecc);

– aumentano il recupero e l’energia della persona;

– aumentano la sensibilità alla chemioterapia evitando la resistenza farmacologica;

– migliorano lo stress ossidativo presente;

– agiscono come antinfiammatori a livello sistemico;

– hanno un effetto citotossico diretto contro le cellule tumorali;

– regolano gli ormoni con effetti positivi e protettivi nei tumori al seno, ovaie, prostata.

*Non esistono in letteratura scientifica effetti avversi o controindicazioni sul loro uso combinato insieme ai farmaci. È cmq bene farsi seguire da un professionista sanitario e tenere informato il proprio specialista di un eventuale loro uso.

Seguimi su Facebook (Umberto Villanti Naturopata) o sul mio sito web www.umbertovillanti.it (mail umberto.villanto@gmail.com)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.