LA TAURINA FAVORISCE LA RIMIELINIZZAZIONE NELLA SCLEROSI MULTIPLA

Una nuova ricerca suggerisce che la somministrazione di taurina, una molecola prodotta naturalmente dalle cellule umane, potrebbe aumentare l’efficacia delle attuali terapie per la sclerosi multipla (SM). Gli scienziati dello Scripps Research Institute (TSRI) hanno scoperto che la taurina aiuta a stimolare un processo chiamato rimielinizzazione, che è cruciale per riparare le cellule nervose danneggiate nella sclerosi multipla.

“La remissione dei sintomi della sclerosi multipla dipende dal processo di rimielinizzazione, quindi l’uso della taurina in combinazione con un farmaco esistente, può contribuire a migliorare l’efficacia complessiva del trattamento”, afferma Luke Lairson, Assistente Professore di chimica presso TSRI e co-autore senior dello studio.

LA TAURINA POTREBBE ESSERE AGGIUNTA AL REGIME TERAPEUTICO PER LA SM

La scoperta evidenzia anche il potenziale di una tecnica chiamata “profilatura metabolomica”, che può identificare utili metaboliti endogeni che l’organismo produce già in piccole quantità, come la taurina, per nuove applicazioni nelle terapie farmacologiche.

“La profilazione metabolometrica può offrire una visione unica di molte diverse patologie, sia dal punto di vista meccanico che terapeutico”, afferma il co-autore senior dello studio Gary Siuzdak, Direttore del Centro Scripps per la Metabolomica del TSRI e Professore di chimica, biologia molecolare e computazionale. La ricerca è stata pubblicata di recente, dalla rivista Nature Chemical Biology.

 

LA TAURINA GUIDA LA MATURAZIONE CELLULARE

 

La sclerosi multipla è una malattia autoimmune che si sviluppa quando il corpo inizia ad attaccare le guaine mieliniche protettive sulle cellule nervose. Senza guaine mieliniche sane, le cellule nervose non possono comunicare correttamente e i pazienti presentano sintomi quali intorpidimento, difficoltà a camminare, disturbi della parola e perdita della vista.

Sebbene non esista una cura per la SM, alcune attuali terapie farmacologiche possono ridurre le ricadute della SM incoraggiando la mielinizzazione. In uno studio pubblicato sulla rivista Nature del 2013, Lairson e colleghi hanno dimostrato che il farmaco Benztropina, approvato per il morbo di Parkinson, può anche aiutare i pazienti affetti da SM inducendo cellule chiamate cellule precursori degli oligodendrociti a maturare in oligodendrociti produttori di mielina e riparare i nervi danneggiati.

Il passo successivo di Lairson è stato quello di trovare molecole che potessero rendere i farmaci che inducono la rimielinizzazione ancora più efficaci. Così il ricercatore ha collaborato con Siuzdak per testare il potenziale delle molecole chiamate metaboliti endogeni di influenzare le cellule precursori degli oligodendrociti. I metaboliti endogeni (cioè “originati dall’interno”) sono molecole naturalmente prodotte dalle cellule e comprendono zuccheri, acidi grassi e amminoacidi.

I nuovi test di analisi e di follow-up sulle cellule hanno dimostrato che il metabolita endogeno taurina non può indurre da solo la maturazione delle cellule precursori degli oligodendrociti, ma può favorire il processo di rimielinizzazione quando combinato con i farmaci benztropina o miconazolo. I ricercatori hanno descritto la taurina come una “materia prima”. “Combinare la taurina con farmaci che inducono differenziazione migliora significativamente il processo e si ottiene più mielina”, afferma Lairson.

Questa scoperta è molto eccitante perché la taurina ha già dimostrato di essere sicura a determinate dosi ed è prontamente usata dal cervello. “Abbiamo ancora bisogno di fare test nei modelli di roditori, ma questo è un buon punto di partenza”, ha aggiunto il ricercatore. Questi progressi del TSRI hanno grandi implicazioni per la medicina.

Lo studio ha scoperto che la somministrazione di un particolare metabolita endogeno può influenzare il destino e la funzione di una cellula, offrendo ai ricercatori un nuovo percorso per lo sviluppo di nuove terapie per molte malattie.

La profilazione metabolometrica sfrutta gli sviluppi tecnici, guidati da Siuzdak presso il TSRI, che gli scienziati possono utilizzare per analizzare le perturbazioni metaboliche nella malattia e quindi utilizzare tali informazioni per decifrare i dettagli meccanici. In definitiva, i ricercatori sperano di identificare i metaboliti endogeni attivi con il potenziale di invertire i fenotipi correlati alla patologia.

Siuzdak è incoraggiato dai quasi 21.000 scienziati che attualmente utilizzano la piattaforma di profilassi metabolomica basata su cloud XCMS / METLIN del suo laboratorio per questi tipi di studi .

“A differenza di altre tecnologie omiche, la bellezza della metabolomica e del test di attività è che i metaboliti sono facilmente accessibili dal punto di vista commerciale, generalmente poco costosi e possono avere un impatto diretto sul fenotipo, rapidamente”, afferma Siuzdak. “Non siamo più osservatori passivi, ma partecipanti attivi”.

 

Fonte: Nature 9 dicembre 2017

 

 

 

2 risposte a “LA TAURINA FAVORISCE LA RIMIELINIZZAZIONE NELLA SCLEROSI MULTIPLA”

  1. Sono un medico in pensione, sono un Nefrologo, mi sto avvicinando adesso alle problematiche della S. M. Sono incoraggianti ed intriganti i presupposti, mi tenga aggiornato. Cordiali saluti, Salvatore

  2. ottimi ed intriganti i presupposti, mi tenga aggiornato. Sono un nefrologo in pensione e da poco mi sono avvicinato ai problemi della S.M.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.